skip to Main Content

Sicurezza: un compito condiviso

Quanto sono sicuri i nostri percorsi casa-scuola? Le condizioni architettoniche, le disposizioni in materia di circolazione stradale e il comportamento degli utenti della strada con veicoli a motore sono la base della sicurezza dei nostri ragazzi.

I bambini devono potersi spostare lungo il percorso casa-scuola in modo soggettivamente (senza paura) e oggettivamente (senza pericoli) sicuro. I genitori danno un contributo in questo senso con l’educazione stradale, una scelta ponderata del percorso casa-scuola ed esercizi svolti assieme. Al contempo, però, anche la costruzione di strade e incroci, nonché le misure infrastrutturali devono rispondere ai requisiti di un percorso sicuro.

Impegnarsi per percorsi casa-scuola sicuri

Mettere in sicurezza i tragitti casa-scuola spezza un circolo vizioso. I tratti pericolosi (effettivi o «percepiti» come tali) spingono sempre più genitori ad accompagnare i propri figli a scuola in auto. Più veicoli sulla strada e nelle vicinanze della scuola creano però più rischi. Inoltre, per la loro crescita i bambini hanno bisogno di stare negli spazi pubblici. Essi apprendono come comportarsi in maniera sicura nella circolazione stradale solo prendendone parte. I genitori possono e devono esigere miglioramenti a livello di infrastrutture stradali. Possono imporre il diritto a un percorso casa-scuola accettabile anche per vie legali, se necessario. Tali misure danno vita a una circolazione più orientata alla mobilità lenta, anche per gli adulti a piedi e in bicicletta.

Back To Top